29 feb 2012

Dal Macro al Microcosmo


Come nasce la Cella Energetica a stato solido

Sapere che nessuno, ha la totale conoscenza scientifica per dare risposte sulla natura del nostro essere e dell’universo.

Da qui nasce la ricerca, la voglia di andare oltre… non dare nulla per scontato.

Milky Way Galaxy

Guardando la nostra galassia “Via Lattea” e così come per buona parte delle più antiche, notiamo una forma a spirale.
Nota: esistono anche galassie con struttura ellittica, peculiare, lenticolare ecc.
Ma è la forma a spirale… proprio quella che ha scatenato la curiosità. Pensate al nostro sistema solare dentro a uno di quei bracci secondari, denominato Sperone di Orione e vedere come siamo piccoli, quasi una nullità rispetto a questa immensa struttura.
“Vero!!! è il fascino dell’Universo.”



  







Comunque tornando a noi, leggete attentamente questa presentazione scientifica,
poi osservate di nuovo la forma della nostra galassia e cercate di combinare le due cose, dovreste vedere, spero…, che manca ancora un reale collegamento tra i due.
E’ proprio questo il collegamento che è alla base della “Cella Energetica a stato solido”, ed è il composto, o meglio una miscela di materiali, dove dopo un processo di impastatura e di asciugatura si formano dei canali di comunicazione tra i poli del generatore, permettendo così il passaggio degli elettroni e/o energia.

La ricerca continua…
Ermanno Franceschini

26 feb 2012

Riflessione!!!


Italia: “Ma quanto è difficile comunicare una scoperta in questo paese”

Dalla pubblicazione del primo prototipo di generatore elettrico a stato solido, non avrei mai immaginato di combattere contro quei poteri, caste e lobby capaci di nascondere e rallentare la crescita di un paese.
Pensavo, dopo avere dedicato personalmente mesi alla ricerca e alla sperimentazione nel campo delle nuove fonti energetiche, di trovare un minimo di solidarietà o almeno un po’ di curiosità, per capire, dove si poteva arrivare con questa grande innovazione “Cella energetica a stato solido”.

Percorso 1 - La prima cosa che mi è venuta in mente di fare, è stata quella di aprire una discussione in un gruppo professionale come tanti che si trovano su Linkedin. Mai l’avessi fatto, mi sono sentito perso… non capivo come mai non ci fossero commenti costruttivi, alla fine non avevo chiesto niente, riportavo solo la mia scoperta. Per quanto mi riguarda, prima di giudicare, la mia curiosità mi porta ad approfondire e toccare con mano l’oggetto in questione, molto probabilmente non è così per tutti. Comunque per la Vostra curiosità vi allego il link della discussione.pdf scaricabile.
Dimenticavo, avevo spedito a diversi quotidiani e riviste scientifiche informazioni riguardo questa scoperta. “Risultato = zero”

Percorso 2 – Visto i risultati decido di telefonare direttamente alla Comunità Europea per avere informazioni sui fondi e/o finanziamenti inerenti il programma Energia Intelligente Europeo. Tre squilli e mi risponde una gentilissima signorina, parliamo della ricerca tecnologica europea e poco dopo mi spedisce una e-mail con il contatto di riferimento  del Ministero dello Sviluppo Economico Italiano. Fantastico, chiamo, e immediatamente mi risponde il responsabile, espongo la mia scoperta e mi consiglia di parlarne direttamente all’ Assessore Attività produttive della mia cara regione Emilia Romagna.

Percorso 3 – Bene!!! Decido di seguire il consiglio, infatti tempo fa avevo letto una pubblicazione sul Piano Energetico Regionale 2011-2013, dove nella premessa si parlava del prezzo del petrolio alle stelle, della crescente domanda di energia, della green-economy, e riportava testuali parole: “In questa regione ci sono le teste e le abilità, i ricercatori e i tecnici, le imprese e i lavoratori per vincere la sfida.”  Telefono, una, due, tre volte e più, poi finalmente ottengo l’indirizzo e-mail del responsabile Servizio Energia ed Economia Verde Regione Emilia-Romagna. Gentilissimo mi risponde poco dopo: “Con riferimento alla Sua gentile indicazione, sono ad informarLa che per accompagnare lo sviluppo delle attività di ricerca e sperimentazione in campo energetico la Regione Emilia-Romagna ha attivato la piattaforma tematica “Energia-Ambiente” nell’ambito della Rete Alta Tecnologia dell'Emilia-Romagna” con i relativi riferimenti. A questo punto pensi di essere sulla buona strada. Ma qui è tutta un altra storia, telefoni, spedisci e-mail, il giorno dopo riprovi a telefonare varie volte. Poi per incanto risponde un signora/ina  che non ti permette nemmeno di finire il discorso… in poche parole ti liquida velocemente. Complimenti!!!

Per quanto concerne questa mia scoperta, ne ho sentito di tutti i colori. Ora chiedo:

Come mai sono stati spesi milioni di euro (nostri) (dalCorriere della Sera) in ricerca e sperimentazione per sapere se un “Neutrino viaggia o no, più veloce della luce”???

Come mai ci sono tantissimi ricercatori, sperimentatori e inventori Italiani che usano i loro soldi  per migliorare il nostro pianeta e appena oltrepassano la linea di confine vengono tagliati fuori.???

Come mai in Italia tutti parlano, parlano e parlano, chiedono sacrifici e poi non capiscono che la crescita di un paese sono le idee!!! Sicuramente non tutte sono realizzabili, ma carissima Italia, perché non le prendi nemmeno in considerazione, perché le blocchi sul nascere??? Perché???

Cordiali saluti
Ermanno Franceschini

17 feb 2012

The new challenge "Zero" - La nuova sfida “Zero”


From the great results obtained from this new source of energy, now the team ermy.it is ready for a new challenge "Power electric cars with the Solid State Energy Cell".

The objective is "Zero": Zero charging, Zero pollution, Zero maintenance.

------------

Dai grandi risultati ottenuti da questa nuova fonte di energia, oggi il team di ermy.it è pronto per una nuova sfida “Alimentare le auto elettriche con la Cella Energetica a stato solido”.

L’obiettivo è “Zero”: Zero ricarica, Zero inquinamento, Zero manutenzione.

08 feb 2012

The Future of energy - Il Futuro dell'energia



Another big step...

The container is just an electrical insulate terminal. Voltage range 0,60 - 0,96 Vdc.
Experiment of the magnetic field created by a ring of cells, and concluding with the power of a mobile phone.


---------


Un altro grande passo...
Come contenitore un semplice capicorda "Terminale a tubetto isolato" con una tensione variabile 0,60 - 0,96 Vdc.
Esperimento del campo magnetico creato da un anello di celle, e concludendo con l'alimentazione di un cellulare.